IPSOA Quotidiano - Bilancio e contabilità

logo quotidiano
RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Bilancio
  1. Pubblicata la nuova versione dei “Principi di vigilanza e controllo dell’organo di revisione degli enti locali”, adeguata al d.lgs. 118/2011 e alle recenti novità normative in materia di enti pubblici e società partecipate da amministrazioni pubbliche. Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili con il documento vuole sensibilizzare i colleghi che svolgono attività di revisione ad operare secondo la massima diligenza e professionalità che l’incarico e la normativa impongono e ha elaborato i principi quali linee guida e supporto tecnico per lo svolgimento dell’attività di vigilanza e controllo. Tali principi rappresentano un codice etico e di comportamento per l’organo di controllo e sono espressione di un’importante sinergia tra Consiglio Nazionale, Ministero dell’Interno, Ministero dell’economia e Corte dei Conti. Il Consiglio nazionale.
  2. Il Documento di Ricerca n. 226 “La relazione della società di revisione indipendente sulla Dichiarazione Non Finanziaria ai sensi del D.lgs. 254/2016 e dell’art. 5 del Regolamento CONSOB adottato con Delibera n. 20267 del gennaio 2018” intende definire le linee guida di comportamento della società di revisione indipendente ai fini di fornire un supporto per l’attività richiesta al revisore con riguardo all’emissione della Relazione sulla Dichiarazione Non Finanziaria (DNF) prevista dagli articoli 3 e 4 D.Lgs. 254/2016.
  3. Le novità previste dalla legislazione speciale in materia di benefici apportati da parte delle amministrazioni pubbliche e l’applicazione della rivalutazione prevista dalla legge di Bilancio 2019, potrebbero essere cause per il rinvio dell’approvazione del bilancio da parte dell’assemblea dei soci. Secondo il Codice civile, infatti, l’approvazione del bilancio delle S.p.a. e delle S.r.l. possa avvenire entro 180 giorni dalla data di chiusura dell’esercizio, anziché entro 120 giorni, qualora “lo richiedono particolari esigenze relative alla struttura ed all'oggetto della società”. Lo ha messo in evidenza il CNDCEC con comunicato stampa del 21 febbraio 2019.
  4. Nella nota operativa n. 3 del 2019, dedicata a “Le imposte sul reddito nel bilancio delle società di capitali: il calcolo e le scritture contabili”, l’Accademia Romana di Ragioneria ha messo in evidenza le necessarie operazioni da effettuare per il passaggio dall’utile o perdita di conto economico, noto come risultato civilistico che è dunque il punto di partenza, al reddito imponibile, attraverso variazioni in aumento e diminuzione, su cui operare il prelievo fiscale come previsto dalla relativa normativa delle imposte sui redditi.
  5. L’evoluzione della normativa in materia di bilancio d’esercizio risponde da anni all’esigenza di armonizzazione contabile e di sempre migliore comparabilità dei dati, anche alla luce delle crescenti attese di informazione da parte di un numero variegato di interlocutori interessati all’economia dell’impresa. In tale scenario, ANDAF attraverso i periodici incontri sul bilancio d’esercizio, si propone di supportare i CFO nell’analisi degli impatti e nell’individuazione di soluzioni operative derivanti dall’applicazione dei nuovi principi contabili nazionali e internazionali, sia in termini di effetti e qualità delle informazioni del bilancio, sia dal punto di vista della revisione delle attività di rilevazione contabile. Di questi temi si parlerà nel corso del X Forum Bilancio, organizzato da Wolters Kluwer in collaborazione con ANDAF, in programma a Milano il 28 febbraio 2019.
  6. E’ disponibile online il "Manuale operativo per il deposito bilanci al registro delle imprese - Campagna bilanci 2019". Il documento è rivolto alle società e ai professionisti per agevolare l’assolvimento dell’adempimento dell’obbligo di deposito del bilancio e detta linee guida uniformi di comportamento su scala nazionale. Ai fini della redazione del bilancio, anche per la presentazione di quelli relativi all’anno 2018 si è tenuto conto della nuova definizione di PMI in ambito europeo che include la sub-categoria delle micro-imprese, pertanto la tassonomia XBRL da utilizzare, precisamente la tassonomia 2018-11-04, garantisce l’aderenza alla nuova normativa dei bilanci di esercizio, in particolare delle micro-imprese e dei consolidati.