IPSOA Quotidiano - Impresa

logo quotidiano
RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Impresa
  1. Parte lunedì una settimana di riunioni dei board aziendali, chiamati ad approvare i bilanci dello scorso anno: da Piaggio a Fincantieri fino a Intesa e Mps. Mercoledì nuovo vertice tra i leader di Usa e Nord Corea.
  2. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con cui è stato approvato il modello unico di dichiarazione (MUD) ambientale per l'anno 2019 che dovrà essere utilizzato per le dichiarazioni da presentare entro il 30 aprile di ogni anno, con riferimento all'anno precedente.
  3. Parlamento europeo, Consiglio UE e Commissione hanno raggiunto un accordo politico per adeguare le norme sul diritto d'autore all'era digitale e apportare vantaggi tangibili a tutti i settori creativi, alla stampa, ai ricercatori, agli educatori, agli istituti di tutela del patrimonio culturale e ai cittadini dell'UE. La nuova direttiva da una parte aumenta la protezione degli autori e degli artisti europei (interpreti o esecutori) e del giornalismo dell'UE, consolidando la loro posizione nell'ambiente digitale e promuovendo il giornalismo di alta qualità nell'UE.; dall’altra parte tutela gli utenti che avranno maggiori possibilità di accedere al materiale protetto dal diritto d'autore e di utilizzarlo nella piena certezza giuridica.
  4. Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha pubblicato il documento “Principi consolidati per la redazione dei modelli organizzativi e l’attività dell’organismo di vigilanza e prospettive di revisione del d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231”, redatto congiuntamente ad ABI, Consiglio Nazionale Forense e Confindustria. Obiettivo dello studio è quello di fornire spunti importanti per la definizione di principi da seguire per la predisposizione dei modelli organizzativi da parte delle imprese.
  5. Favorire la diagnosi tempestiva della crisi d’impresa in ottica di salvaguardia della continuità aziendale: è l’obiettivo che ha ispirato il legislatore nel riformare la disciplina delle procedure concorsuali con l’istituzione del nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza. Tra le novità si segnalano l’obbligo in capo all’imprenditore che operi in forma societaria (o collettiva) di dotarsi di adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili e l’ampliamento dei soggetti tenuti alla nomina dell’organo di controllo o del revisore. Ma anche la specifica previsione della responsabilità degli amministratori nei confronti dei creditori sociali. L’entrata in vigore del codice è a due velocità.