banner area riservata

ORDINE

MODULISTICA

Servizio PagoPA

pagopa2

Gent. mi, 

Vi comunico che, per le aziende in oggetto, oggi verrà trasmessa comunicazione tramite cassetto con la quale vi informiamo che  la domanda di deroga inps non può esere accolta per la presenza di csc/ca in oggetto e vi invitiamo a presentare, entro 30 gg, domanda all'ammortizzatore congruo (cig o cisoa). 

La comunicazione è necessaria per superare il termine decadenziale già scaduto. 

Pertanto, nel caso in cui non riceveste il messaggio entro oggi, vi invito a chiederlo tramite mail a me indirizzata. 

Cordialmente, 

Luigina Gagliardi 

Gent.mi,

come già comunicato, da ieri è stata ultimata la lavorazione delle c.ca 5900 pratiche pervenute al 23.07.

Sono inesitate, per ora,  del domande di circa 200 aziende che non avevano ultimato la richiesta delle prime 9 settimane di deroga regionale in Regione (già notiziate mezzo cassetto)

e c.ca 140 domande di cig in deroga che, pur avendo il CA 1S o 7A erano già state autorizzate alla deroga regionale e per le quali non è possibile procedere in quanto il programma le segnala con alert bloccante.

La nostra Direzione centrale è stata edotta del situazione:  siamo in attesa di una decisione in merito in mancanza della quale le suddette aziende dovranno presentare domanda di CIGO Covid per le ulteriori 5+4 settimane (e di quelle, eventuali, a venire) previa comunicazione mezzo cassetto necessaria per superare  il termine decadenziale   ex msg 2901.

Cordialità,

Luigina Gagliardi

Dirigente area ammortizzatori sociali, sostegno alla non autosufficienza,  credito e welfare

INPS- Direzione regionale UMBRIA

075.5037229

Gent.mi,

come già comunicato, da ieri è stata ultimata la lavorazione delle c.ca 5900 pratiche pervenute al 23.07.

Sono inesitate, per ora,  del domande di circa 200 aziende che non avevano ultimato la richiesta delle prime 9 settimane di deroga regionale in Regione (già notiziate mezzo cassetto)

e c.ca 140 domande di cig in deroga che, pur avendo il CA 1S o 7A erano già state autorizzate alla deroga regionale e per le quali non è possibile procedere in quanto il programma le segnala con alert bloccante.

La nostra Direzione centrale è stata edotta del situazione:  siamo in attesa di una decisione in merito in mancanza della quale le suddette aziende dovranno presentare domanda di CIGO Covid per le ulteriori 5+4 settimane (e di quelle, eventuali, a venire) previa comunicazione mezzo cassetto necessaria per superare  il termine decadenziale   ex msg 2901.

Cordialità,

Luigina Gagliardi

Dirigente area ammortizzatori sociali, sostegno alla non autosufficienza,  credito e welfare

INPS- Direzione regionale UMBRIA

075.5037229

........L’operatore dell’Istituto, nei casi di IBAN non corretti o non validati dal circuito bancario o di Poste Italiane (codice fiscale associato all’IBAN diverso da quello del beneficiario della prestazione), procede alla variazione della modalità di riscossione, annullando il codice IBAN non corretto sul modello SR41/SR43, e valorizzando l’erogazione della prestazione mediante pagamento con bonifico domiciliato presso Poste Italiane.

 
Una volta disposto dall’Istituto il bonifico, il lavoratore interessato riceve prima gli SMS di notifica del pagamento e poi la comunicazione di liquidazione inviata da POSTEL al suo indirizzo di residenza/domicilio (comunicato dal datore di lavoro nel mod. SR41/SR43), con la quale può recarsi a riscuotere l’integrazione salariale spettante presso qualsiasi ufficio postale del territorio nazionale con il proprio documento di identità in corso di validità e un documento attestante il codice fiscale (ad esempio, tessera sanitaria).

 
Qualora il lavoratore interessato non riceva a breve la comunicazione da POSTEL, può accedere al “Riepilogo pagamenti” del servizio “Fascicolo previdenziale del cittadino”, per verificare e stampare il pagamento disposto, con l’importo, seguendo il percorso di seguito indicato:

 

  • www.inps.it > “Home”;
  • cercare “Fascicolo previdenziale del cittadino”;
  • aprire, tra i risultati restituiti dalla ricerca, il servizio “Fascicolo previdenziale del cittadino” e inserire nella maschera di autenticazione il proprio codice fiscale e le proprie credenziali (PIN dispositivo o SPID o CIE o CNS);
  • nel Menu del servizio a sinistra selezionare: “Prestazioni” > “Pagamenti”;
  • nella sezione “Pagamenti” verificare nel “Riepilogo dei pagamenti” l’importo dell’ultimo pagamento da riscuotere;
  • stampare il riepilogo pagamenti con l’apposita funzione del menu a sinistra del “Fascicolo previdenziale del cittadino” (che genera prima il file in formato .pdf), per esibirlo all’ufficio postale.

 
Per i pagamenti relativi alle successive mensilità dell’integrazione salariale, il lavoratore potrà comunque avvalersi dell’accredito su conto corrente o su carta ricaricabile dotata di IBAN, purché gli strumenti di riscossione risultino a lui intestati/cointestati, comunicando il nuovo codice IBAN al suo datore di lavoro, che avrà cura di inserirlo nei relativi SR41/SR43 da trasmettere all’Istituto.

Gent.mi,

per la Cisoa sarà possibile trasmettere mezzo mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per le pratiche della provincia di Perugia e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per quelle di Terni) il modello sr43 (o anche i quadri F e G del mod. SR33) contenenti i dati dei lavoratori per i pagamenti diretti, sia contestualmente alla domanda che successivamente. NON è NECESSARIO ATTENDERE L'AUTORIZZAZIONE.  

Cordialmente

Luigina Gagliardi

Dirigente area ammortizzatori sociali, sostegno alla non autosufficienza,  credito e welfare

INPS- Direzione regionale UMBRIA

  1. 075.5037229

Contatti

ODCEC TERNI

Corso del Popolo, 63

05100 - Terni

Tel 0744 429152

Fax 0744 429152

segreteria@odcecterni.it