Strumenti di accessibilità

IPSOA Quotidiano - Lavoro

logo quotidiano
RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Lavoro
  1. Il 12 giugno 2024 Assogiocattoli con Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil hanno sottoscritto l'accordo di rinnovo del CCNL per i dipendenti dell’industria dei giocattoli. L’accordo introduce novità in tema di classificazione del personale, minimi tabellari, elemento di garanzia retributiva, orario di lavoro, malattia, maternità, diritto allo studio, permessi, aspettative, assistenza integrativa, apprendistato professionalizzante, lavoro a termine, lavoro a tempo parziale, lavoro agile, previdenza integrativa e assunzione. L’accordo non indica la decorrenza e scadenza.
  2. Per i dipendenti dalle aziende industriali che lavorano articoli di oreficeria, Federorafi con Fiom-CGIL, Fim-CISL e Uilm-UIL hanno sottoscritto in data 17 giugno 2024 il verbale di incontro che introduce un incremento dei minimi retributivi. L'adeguamento deriva dalla dinamica dell'Ipca e in ottemperanza a quanto previsto dal CCNL del 23 dicembre 2021. I nuovi importi decorrono dal 1° giugno 2024.Poiché nel 2023 l'adeguamento Ipca risulta superiore agli incrementi stabiliti dall'accordo 23 dicembre 2021 da dicembre 2024, i minimi dal 1° dicembre 2024 resteranno quelli fissati in data 17 giugno 2024 e sostituiranno i minimi previsti dal 1° dicembre 2024 dall'accordo 23 dicembre 2021.
  3. Con l’ordinanza n. 10065 del 2024, la Cassazione ha stabilito che le conciliazioni sindacali devono avvenire in una sede, intesa come ufficio, sindacale e non in azienda. Questo perché in azienda il lavoratore potrebbe essere influenzato dal datore di lavoro. Se la conciliazione avvenisse nei locali aziendali, l'accordo raggiunto potrebbe essere contestato entro sei mesi. Orientamento discutibile, ma che deve essere valutato per la definizione di una conciliazione unitamente agli altri aspetti che rendono inoppugnabile l’accordo raggiunto. Quindi, in termini operativi e per non avere sorprese, quali sono gli elementi prudenziali da tenere in considerazione prima di sottoscrivere un verbale conciliativo?
  4. Dopo la pubblicazione da parte dell’ISTAT, in data 7 giugno 2024, dell’indice dei prezzi al consumo armonizzato per i Paesi dell’Unione Europea – IPCA, ci si chiede quale può essere l’impatto sugli aumenti dei minimi contrattuali nel settore della metalmeccanica. Occorre, infatti, definire quale sia la base di conteggio. L’incremento dell’IPCA dovrà avvenire ed essere calcolato in base ai minimi contrattuali vigenti al 31 maggio 2024, che risentono delle variazioni dell’IPCA 2022 superiori alle previsioni contrattuali? Ovvero, la base la base di calcolo sarà rappresentata dai minimi retributivi previsti dall’accordo del 5 febbraio 2021? La prima soluzione appare preferibile. Per quali ragioni?
  5. La gestione della mobilità del dipendente riveste sempre di più l’interesse delle aziende in quanto attività strettamente connessa a un duplice obiettivo: aumentare la remunerazione globale del lavoratore e allo stesso tempo anche la sostenibilità sociale per l’impresa. Interesse per la materia riscontrabile nella legge delega per la riforma fiscale e anche negli interventi dell’Agenzia delle Entrate in merito alla disciplina fiscale e previdenziale applicabile ai servizi previsti a favore dei lavoratori. Quali soluzioni e strategie possono utilizzare le aziende per gestire la mobilità dei dipendenti?