banner area riservata

ORDINE

MODULISTICA

pagopa2

directio

IPSOA Quotidiano - Lavoro

logo quotidiano
RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Lavoro
  1. Cosa resta da fare all’HR oggi che la crisi pandemica sembra alle spalle e il “new normal” è un’esperienza quotidiana? E’ ancora necessario che si ponga al centro della trasformazione e che per trasformarsi debba fare cose diverse? Sicuramente è importante che l’HR definisca le priorità, valutando le risorse disponibili per cambiamenti e nuove sperimentazioni in base alla dimensione dell’azienda nella quale opera (piccola e media o grande e multinazionale). In tale ottica quattro appaiono le aree di attenzione, i terreni di sfida su cui HR è ancora oggi chiamata a dare delle risposte.
  2. Una nuova proroga della cassa integrazione Covid per i datori di lavoro in difficoltà economica. Rinnovo dei congedi parentali per i figli in DAD, che svolgono didattica a distanza, o in quarantena. Inasprimento delle sanzioni che potranno arrivare fino alla sospensione dell’attività produttiva per le aziende che non rispettano le norme sulla sicurezza sul lavoro. Rifinanziamento dell’indennità di malattia in caso di quarantena e del reddito di cittadinanza. Sono le novità contenute nel Decreto Fiscale licenziato dal Consiglio dei Ministri del 15 ottobre 2021.
  3. Sul sito del Governo, in data 15 ottobre 2021, sono state aggiornate le risposte alle domande frequenti sui dpcm riguardanti Green Pass in ambito lavorativo firmati dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi. Le nuove indicazioni fornite riguardano in particolare la platea dei lavoratori subordinati e autonomi soggetti all’obbligo, la validità delle certificazioni verdi in termini di durata e i rapporti di lavoro a termine stipulati per la sostituzione dei lavoratori sprovvisti di green pass.
  4. Entra in vigore l’obbligo del possesso (e di esibizione su richiesta) del green pass per accedere ai luoghi di lavoro. E’ pertanto necessario fare il punto su quello che imprese e consulenti devono mettere in pratica. Il decreto Capienze ha introdotto la possibilità per il datore di lavoro di conoscere con anticipo se il lavoratore sia in possesso o meno di un green pass valido al fine di pianificare per tempo le attività lavorative e sopperire alle eventuali carenze di personale. Inoltre i DPCM del 12 ottobre ha aperto alla possibilità di  utilizzare piattaforme telematiche e ulteriori modalità di controllo oltre la nota app VerificaC19.
  5. Dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021, tutti i lavoratori che vorranno entrare nel luogo di lavoro devono essere in possesso del green pass. L’obbligo comporta la necessità per le imprese, i lavoratori autonomi e i liberi professionisti di organizzare le attività di verifica ed individuare chi è delegato a tale compito. Previste sanzioni per il lavoratore senza green pass e per i datori di lavoro che non fanno i controlli. Nella guida, tutte le indicazioni per adempiere correttamente all’obbligo.